Amati e liberi

Non sappiamo esistere, per questo ci rivolgiamo a Te. Non ricordiamo come siamo arrivati fin qui. Abbiamo dimenticato itinerari, cause, mete. Ci siamo persi e non possiamo tornare indietro. Sentiamo che ci spingi a proseguire e ad avere fiducia, anche se non troviamo guide affidabili ed indicazioni corrette. Sbaglieremo strada, ma non prenderemo scorciatoie. Desideriamo rispettare profondamente i tuoi tempi. Quando sarà buio cercheremo una stella nella testimonianza che ci hai lasciato. Quando farà caldo cercheremo un ristoro nell'amore che ci hai promesso. Quando mancherà il respiro leggeremo la tua Parola. Quando verranno meno le forze ci nutriremo con il tuo Pane. E quando si diffonderà il virus dell’egoismo guariremo abbracciando un povero. Continuiamo a rincorrere l’autosufficienza anche se consapevolmente a vuoto. Fuggiamo l’attesa perché è inconcepibile per noi un tempo senza risultato tangibile e senza possesso da ostentare. Non comprendiamo quanto il nostro essere sia ancora da completare. Creta che la storia modella. Ferro che la sofferenza scioglie. Fragilità e peccato che Dio abbraccia. Siamo mancanti ma con possibilità di realizzare la pienezza accogliendo la tua opera di trasformazione. Creatività non conclusa, che continua ad esprimersi scavando nuove profondità destinate alla libertà donata da Te. Sentirsi amati da Te e liberi grazie a Te. Ed è per questo che piangeremo di gioia.